Cosa bisogna sapere in gravidanza

Dieta

Importante durante tutte le fasi della vita, una dieta varia e bilanciata diventa irrinunciabile durante la gravidanza per assicurare il massimo benessere alla mamma e tutti i nutrienti essenziali al bambino che si sta sviluppando.

gravidanza dietaLe fibre di frutta e verdura e tanta acqua aiutano a contrastare la stitichezza tipica della gestazione. I cereali (nella giusta quantità) forniscono energia, mentre pesce e carni (sempre ben cotti) sono fonte privilegiata di proteine nobili e ferro. Ancora pesce e oli vegetali assicurano l’apporto di omega-3 e omega-6, preziosi per la funzionalità del tessuto nervoso e dell’apparato cardiovascolare. I latticini (meglio se magri) assicurano il rifornimento di calcio. Da integrare in modo specifico, fin dal concepimento, invece, l’acido folico.

Fumo e alcol

La donna che di norma fuma dovrebbe cercare di smettere fin dall’inizio della gravidanza, cogliendo magari l’occasione per farlo in modo definitivo.

fumo sigarettaIl fumo infatti aumenta il rischio di parto pretermine, placenta previa e basso peso alla nascita del bambino; inoltre altera il battito cardiaco e i movimenti del feto. Altro elemento da bandire, gli alcolici. vinoIl consumo eccessivo, anche nel periodo che precede il concepimento, è estremamente deleterio per lo sviluppo del sistema nervoso fetale. Un consumo moderato di vino (2-3 bicchieri alla settimana) non è vietato, ma preferibilmente da evitare. Ammesso, invece, il caffè, a patto di limitarsi a 1-2 tazzine al giorno.

Toxoplasmosi

Le donne negative al test per la toxoplasmosi all’inizio della gravidanza, oltre a ripeterlo ogni mese, dovranno adottare alcune cautele sul fronte dell’alimentazione per prevenire un possibile contagio durante la gestazione. carne cruda

In particolare, sarà necessario evitare il consumo di carni crude (carpacci, tartare ecc.) o poco cotte (soprattutto se di agnello), insaccati, verdure crude di cui non sia certa la perfetta pulizia e latticini non pastorizzati (latte crudo e derivati). Altra accortezza: limitare il contatto con animali di igiene dubbia o che frequentano spazi pubblici come parchi e giardini condminiali.

Altri controlli

Anche la donna giovane e apparentemente sana, durante i nove mesi deve sottoporsi a controlli regolari per escludere la presenza di patologie non ancora diagnosticate al momento del concepimento o insorte durante la gravidanza. gravidanza klimt

Oltre al toxo-test e al rubeo-test (per verificare l’avvenuta rosolia), i principali controlli comprendono esami del sangue e delle urine tesi a valutare lo stato fisico generale ed evidenziare possibili infezioni o una condizione di iperglicemia o diabete e la misurazione della pressione arteriosa. Per seguire il corretto sviluppo del feto, invece, sono essenziali almeno tre ecografie. Amniocentesi ed esame dei villi coriali o diagnosi prenatali più raffinate possono essere proposte dal ginecologo in casi selezionati.

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale è una condizione transitoria, indotta dall’alterazione dell’equilibrio ormonale e da difetti della secrezione insulinica, che si instaura nel 2-5% delle gravidanze, di solito tra la 24esima e la 28esima settimana, senza dare sintomi evidenti. gravidanza fumettoLa lieve iperglicemia che ne risulta non comporta rischi immediati per la salute della donna, ma può interferire con lo sviluppo del feto, che può crescere troppo e in modo irregolare nonché andare incontro a pericolose ipoglicemie subito dopo la nascita. Riconoscere presto l’alterazione del profilo glicemico attraverso esami del sangue e delle urine permette di prendere contromisure dietetiche e farmacologiche efficaci.

Preeclampsia e ipertensione

La preeclampsia è una condizione caratterizzata dall’aumento della pressione arteriosa e dalla perdita di proteine con le urine che manifesta nel 5-8% delle gravidanze, generalmente a partire dalla 20esima settimana, perdurando poi nel post partum. I sintomi comprendono soprattutto gonfiori a gambe e braccia, rapido aumento di peso (edemi), mal di testa e disturbi della vista, ma non sono sempre presenti. La preeclampsia va gestita in primo luogo con una dieta iposodica, il riposo (spesso a letto) e la rimozione delle cause di stress. Soltanto nei casi più gravi si ricorre a interventi farmacologici. Può richiedere un’anticipazione del parto.

Importanza della coppia

Che si tratti di scegliere i vestitini, di arredare la cameretta o di frequentare i corsi di preparazione alla nascita, condividere emozioni, decisioni e progetti legati alla gravidanza e all’arrivo del bambino permette di stabilire un’armonia di coppia di cui beneficeranno sia i genitori sia il bambino.

coppia gravidanza La presenza del compagno durante gli esercizi in palestra aiuterà la donna a essere più serena e ad apprendere più facilmente le tecniche antalgiche naturali, permettendo eventualmente al futuro padre di assistere in modo produttivo al parto.

Farmaci

In gravidanza, come in ogni altro momento della vita, i farmaci vanno assunti soltanto quando sono effettivamente necessari e con cautela, ma quando il medico ritiene opportuno somministrarli non si deve temere per la salute del bambino. farmaci

Gran parte dei medicinali d’uso comune, usati correttamente, non creano problemi al feto, che potrebbe invece essere danneggiato dalla malattia della mamma. È il caso della febbre (che può essere trattata con paracetamolo) o di infezioni che richiedono terapie antibiotiche. Ciò che conta è evitare il “fai-da-te” e non assumere neppure prodotti da banco o preparati fitoterapici senza aver interpellato il medico.

Parto in anestesia?

L’analgesia epidurale è un mezzo semplice, sicuro ed efficace, che permette alla donna di partorire in modo naturale con un dolore minimo. anestesia peridurale

Oltre al maggior benessere per la mamma, la minore ansia associata al momento del travaglio e dell’espulsione rende meno traumatica l’esperienza anche per il bambino. Un altro aspetto positivo riguarda il contributo dell’epidurale alla riduzione del numero di parti cesarei, spesso scelti per timore di un travaglio lungo e doloroso. Se non sussistono controindicazioni e si desidera riceverla, meglio richiederla per tempo.

Problemi post partum

L’arrivo a casa del bambino dopo il parto, pur essendo un momento magico, può mettere seriamente in crisi la neo-mamma che, insieme allo stravolgimento dell’equilibrio ormonale, deve gestire quello della propria vita.depressione parto 1

Spesso, senza provare immediatamente “istinto materno” e sentendosi in colpa per questo. Non bisogna trascurare i segnali di disagio o malessere psicologico che possono insorgere nelle settimane o nei mesi dopo il parto: potrebbe trattarsi, come dicono gli americani, di “baby blues” o depressione post-partum. depressione parto 3Importantissimo è parlarne con il proprio medico per affrontarla in modo adeguato.

Fonti:

www.dica33.it

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Medical News. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...