Adolescenti sempre più sedentari

L’abbandono di ogni attività motoria inizia già a 11 anni.
bambini sport 2A 15 anni meno di 1 adolescente su 2 pratica attività sportiva continuativa e a 18 poco piu’ del 30%.
La percentuale di sedentarietà è tripla rispetto agli altri Paesi europei.
La Società Italiana di Pediatria lancia l’allarme: una intera generazione rischia di diventare malata.

Tra i bambini di età compresa tra i 6 e i 10 anni, dal 2001 al 2011, la pratica sportiva continuativa e’ aumentata di oltre 5 punti percentuali, passando dal 48,8% al 54,3%.
bambini e sportNell’ultimo anno, grazie a una ulteriore crescita di circa 3 punti percentuali, i piu’ piccoli hanno guadagnato il primato dei piu’ sportivi. Quasi 6 su 10 (57%) praticano uno sport in maniera continuativa, soprattutto nuoto e danza.
Sono queste percentuali che non si registrano in nessun’altra età della vita, segno che le campagne antiobesità volte a favorire stili di vita corretti portate avanti da istituzioni, pediatri, scuola, con il coinvolgimento dei genitori, stanno dando i loro frutti.

Le notizie positive però finiscono qui.
Già dopo la scuola primaria, infatti, i bambini italiani cominciano ad allontanarsi dalla pratica sportiva ingrossando le fila dei sedentari.
Finora l’età spartiacque era quella tra i 14 e i 15 anni; nell’ultimo anno si è osservato che il trend negativo comincia già a 11 anni. Infatti tra il 2011 e il 2012 la quota di praticanti continuativi è diminuita persino nella fascia d’età 11-14 anni, passando dal 56% al 53,4%.

Percentuale che tra i 15 e i 17 anni diventa del 48,5% e si assesta 14 punti percentuali sotto, al 34,7%, tra i 18 e i 19 anni. Una parabola discendente al crescere dell’età.

Su questi dati riflettono i pediatri italiani in concomitanza con la Giornata Mondiale del Bambino e dell’Adolescente.

bambino obeso e tv A preoccupare è l’elevato numero di sedentari assoluti, di coloro cioè che non praticano nè sport (in maniera continuativo o saltuaria che sia) nè alcuna attività fisica. Il fenomeno riguarda soprattutto le ragazze in una percentuale che va da 24% (tra i 15 e 17 anni) al 30% (tra i 18 e i 19 anni).

Non v’è dubbio – sottolineano gli specialisti – che nel disamore degli adolescenti verso lo sport un ruolo importante è svolto dalle nuove tecnologie: i teenagers trascorrono da tre a quattro ore al giorno davanti a uno schermo: tv, computer o smartphone che sia. Ma questo non basta a spiegare perchè il tasso di sedentarietà degli adolescenti italiani sia più che triplo rispetto a quello dei loro coetanei europei .

Studi svolti in alcune città italiane hanno evidenziato due principali motivi di abbandono, uno legato all’eccessivo impegno richiesto dallo studio (56,5%) e l’altro riconducibile alle modalità di svolgimento dell’attività fisica perchè ”fare sport è venuto a noia” (65,4%), ”costa troppa fatica” (24,4%), e gli ”istruttori sono troppo esigenti” (19,4%).

Per riavvicinare gli adolescenti all’attività fisica e sportiva bisogna offrire loro nuovi stimoli.
L’agonismo esasperato, le aspettative e le pressioni eccessive rischiano di allontanare i giovani dallo sport.bambibi scherma Occorre valorizzare di più l’attività fisica come divertimento e la pratica sportiva non agonistica coinvolgendo anche la scuola, oltre alle società sportive.

Fonti:
Salute Oggi – 20 novembre 2013

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Medical News. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...