Igiene e medicina preventiva (2^ parte)

L’igiene moderna si basa su tre pilastri fondamentali:

  • Epidemiologia (Studia le condizioni di  una popolazione, per individuare le cause determinanti delle malattie)
  • Profilassi (Previene l’insorgenza delle malattie)
  • Educazione sanitaria (Aiuta ad acquisire la salute attraverso il proprio comportamento)

Esistono inoltre varie forme di prevenzione:

Prevenzione primaria per evitare l’insorgere di:

droga alcol

  • malattie infettive (attraverso vaccinazioni, disinfezione, disinfestazione e derattizzazione, sterilizzazione, controllo acque potabili e alimenti etc.)
  • malattie croniche (con l’ausilio di educazione alimentare, campagne contro droga, alcool e fumo, norme antinquinamento ambientale etc.)
  • incidenti ed infortuni incidente(idoneità alla guida, limiti di velocità, cinture di sicurezza, uso del casco, educazione stradale, protezione infortuni sul lavoro, normativa per impianti elettrici etc.)

Prevenzione secondaria  che consente la presuntiva identificazione di una malattia in fase iniziale o di una condizione particolarmente a rischio seguita da un immediato intervento terapeutico per interromperne o comunque rallentarne il decorso.

Si attua attraverso gli SCREENING screeningcioè test, esami o altre procedure di rapido e semplice impiego e di elevata sensibilità e specificità (es. PSA prostatico, sangue occulto nelle feci, PAP test, mammografia etc.).

Identifica i soggetti che dovranno essere sottoposti ad ulteriori accertamenti

Prevenzione terziaria cioè la prevenzione delle complicanze di una malattia già in atto ed irreversibile mediante l’attuazione di tutte le misure di ordine medico, sociale e psicologico atte a ridurre danni ed invalidità. Avviene mediante:

  • controllo periodico e cura delle malattie croniche
  • riduzione della sofferenza
  • ricerca della creazione di condizioni di vita il più possibile vicina a quella degli individui sani
  • miglioramento della qualità della vita
  • allungamento del periodo di sopravvivenza

Vaccinazione

vaccino fumettoLa vaccinazione universale, nei Paesi occidentali, ha ridotto l’incidenza di almeno 9 malattie devastanti di oltre il 98% ed ha eliminato completamente due di esse (vaiolo e poliomielite)

INFLUENZA

Esistono 3 tipi di virus influenzali: A, B, C

virus influeI virus influenzali A infettano l’uomo e numerose specie di animali (soprattutto gli uccelli).

I virus influenzali B e C sono virus umani, non isolati in uccelli (il tipo C è isolato da maiali e cani)

 

Sintomi

Il periodo di incubazione può durare dalle 24 ore ai 5/6 giorni.

termometro influeL’inizio della malattia è improvviso, con comparsa di febbre, brividi, mal di testa, gola secca, mialgia, malessere inappetenza e mal di gola.

Il sintomo più rilevante è la febbre, che in assenza di trattamento antipiretico si innalza bruscamente nel corso di  24-48 ore fino ai  41°C.

Lo spettro delle manifestazioni cliniche varia notevolmente per gravità, da manifestazioni asintomatiche a complicazioni minori quali rinite e/o faringite fino alla polmonite virale con esito potenzialmente fatale.

Come si trasmette?

goccioline fluggeIl virus viene trasmesso tramite goccioline di saliva starnutendo, tossendo o semplicemente parlando.

La trasmissione è facilitata dal contatto stretto.

È altamente contagioso e trasmissibile.

I soggetti infetti sono contagiosi da pochi giorni prima e per i 5-7 giorni successivi alla comparsa dei sintomi.

Il virus influenzale si attacca alle cellule epiteliali del tratto respiratorio e si replica all’interno delle stesse cellule.

Vaccino antinfluenzale

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) emana annualmente, sulla base dei dati raccolti in 83 paesi, le raccomandazioni per la composizione del vaccino antinfluenzale.

Ogni anno il virus muta le sue proprietà antigeniche e pertanto la produzione vaccinale deve variare annualmente i ceppi virali.

Ad esempio per l’anno trascorso il vaccino conteneva:

Antigene analogo al ceppo A/California/7/2009 (H3N2)

-Antigene analogo al ceppo A/Nuova Caledonia/20/99 (H1N1)

-Antigene analogo al ceppo B/Shanghai/361/2002

Il vaccino per questa stagione contiene invece:

Antigene analogo al ceppo A/California/7/2009 (H3N2)

-Antigene analogo al ceppo A/Switzerland/9715293/2013

-Antigene analogo al ceppo B/Phuket/3073/2013

Chi dovrebbe vaccinarsi?

 vaccin bambina

Persone che hanno un maggior rischio di  complicanze.

Persone che possono trasmettere l’influenza  a persone con un maggior rischio di  complicanze (es. medici, paramedici, badanti).

Persone che svolgono servizi essenziali per la  comunità.

Persone con un rischio occupazionale di  influenza aviaria.

INFLUENZA AVIARIA

E’ un’influenza di tipo A.

Gli uccelli selvatici funzionano da serbatoio, gli uomini normalmente non vengono infettati direttamente , mentre gli uccelli domestici sono suscettibili d’infezione.passaggio uccello uomo aviaria

Aree di endemia

 VIETNAM, CAMBOGIA, THAILANDIA, INDONESIA, CINA

Perché fa tanta paura?

Il virus dell’influenza aviaria è in grado di infettare l’uomo dando un quadro clinico severo.

E’ un virus molto aggressivo tra le popolazioni aviarie.

Si è diffuso nelle regioni asiatiche ma ha raggiunto anche la regione europea grazie alle migrazioni di stormi di uccelli.

In tutte le precedenti pandemie influenzali il virus è sempre stato di origine aviaria.

Attenzione però, non bisogna spaventarsi oltre misura….

vignetta influenza pulcini

 

 

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Medical News. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...